Come curiosare in sala di doppiaggio

12 09 2013 da

Siete inavvicinabili dai curiosi?

I portali internet ormai permettono l‘accesso virtuale, sistema ideale per soddisfare tutti.

Il multimediale fa vivere con realismo le emozioni della sala di incisione senza rischiare di disturbare di persona il caratteristico e necessario isolamento di un mestiere votato alla massima concentrazione e il miglior rendimento di cui si aspettano Hollywood ed altri suoi committenti.

Il doppiaggio, ripetiamo, è una delicata opera d’arte da osservare a debita distanza.

E’ chi osserva da profano a doversi sforzare di ammirarla, studiarla e accettarla per quello che è.

Pretendere di cambiarla per una propria convenienza significherebbe distruggerla, renderla ciò che non è, eclissandone così balore e bellezza, annulandone la realtà di opera d’arte.

Una perla invece è preziosa perché rara e ben custodita nella sua conchiglia.

Per meglio comprendere basti pensare alla natura: un vulcano, imponente e affascinante, può causare gravi danni, ma non per questo possiamo pretendere di mutarne l’incandescente lava in innoqua acqua refrigerante. Il vulcano non sarebbe più tale, impossibilitato a svolgere il suo compito originario e i delicati equilibri naturali sarebbero sconvolti.

Parlando di cinema, riassume bene il concetto una scena del film “la storia infinita 2”, dove un emissario del male tenta il protagonista Bastian a trasformare le pericolose acque acide che bagnano le coste di Fantasia in semplice acqua innoqua.

Tuttavia Bastian sa vedere oltre le apparenze e capisce che forse il mondo di Fantasia è bello e prospero proprio grazie alle strane acque acide che ha, intoccabili sì, ma parte integrante di un equilibrio superiore e indispensabile.

Share

Post correlati

Tags

Condividi

468 ad

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *